IL SIMBOLISMO DEL DRAGO

7,90 €
In Stock
SKU: 1262
Dal Mito all’Alchimia
 Torna a: I Lauri

“L’Amor, che m’è guerriero ed enemico
m’ha fatto com’al Drago San Michele.”
Cecco Angiolieri Poeta e Scrittore italiano (Siena, 1260-1313)

Nel corso dei millenni l’essere fantastico noto come Drago assunse nomi diversi in lingue culture e paesi diversi pur mantenendo sempre costanti le sue principali caratteristiche simboliche. Oggi conosciamo il Drago dai favolosi bestiari medievali che raccoglievano il meglio dei racconti popolari raccolti un po’ ovunque nel mondo.

Il Drago e il Serpente rappresentano due simboli interscambiabili. Nelle versioni più antiche il Drago o Serpente Alato è un simbolo complesso, polistratificato e universale. Esso unisce in sé i simboli del serpente e dell’uccello, la terra e il cielo, la materia e lo spirito, le due forze fondamentali del nascere e del morire, del crescere e del deperire, dell’avvolgere e dello svolgere.

Il Drago dell’era volgare è un grande Serpente che si è visto spuntare le zampe oltre alle Ali ma la sua simbologia resta tuttora legata a quella del Serpente. Esseri di acqua, di terra e di fuoco, padroni delle gallerie e dei cieli, terrore dei mari: il dominio dei Draghi è da sempre stato visto spaziare sulle cime dei monti, così come nelle profondità dell’oceano.   (…)

IL DRAGO E LA PSICHE
Immagine arcaica delle energie primitive, il Drago rappresenta l’inconscio a noi ignoto e terribile, almeno sino a che non conquistiamo una Via per raggiungerlo e divenirne consapevoli: energie viscerali e profonde, incontrollate come sono le nostre passioni, i nostri desideri profondi repressi, gli istinti primordiali di sopravvivenza. Nel confrontarci con il Drago ci si pone dinanzi a un problema che non ha soluzioni poiché noi non siamo mai sazi del mito del Drago e dei suoi sconfinamenti nella nostra vita quotidiana che rispondono sempre ad alcuni nostri vuoti di spiritualità. Karl Gustav Jung, partendo dallo studio della psicologia del profondo, arrivò ad analizzare i Miti, i Simboli, e gli archetipi sui quali questi si fondano.   (…)

IL DRAGO IN ALCHIMIA
La maggior parte delle culture precristiane ha considerato il Drago come una creatura benevola che abita le grotte, i laghi e il centro della terra. Egli rappresenta la forza, la saggezza, la conoscenza occulta. Antico Simbolo di saggezza e di ricchezza, il Drago rappresenta il potere degli elementi. Esso è naturalmente partecipe di quattro elementi: la terra in cui striscia, l’aria in cui vola, il fuoco che alita e l’acqua in cui quotidianamente si immerge. Il Drago è un:

- Elementale dell’Acqua, in quanto individuato in origine come Serpente d’Acqua, essere totalmente benefico e manifestazione delle acque stesse.

- Elementale dell’Aria, in quanto dotato di ali è considerato Signore del Cielo, messaggero delle fortune divine.

(…)

Indice
PARTE PRIMA : INTRODUZIONE AL SIMBOLISMO
CAP 1 - SIMBOLO E LINGUAGGIO
PARTE SECONDA: IL SIMBOLISMO DEL DRAGO
CAP. 2 - IL DRAGO
CAP. 3 - LOTTA COL DRAGO
CAP. 4 - IL DRAGO E LA PSICHE
CAP. 5 - IL DRAGO NEL MITO E NEL FOLKLORE
CAP. 6 - IL DRAGO NELLA STORIA
CAP. 7 - IL DRAGO GUARDIANO
CAP. 8 - IL DRAGO IN ALCHIMIA
Conclusione

80
978-88-7392-109-7
Liam Allison Silcan